SCUOLA DI GIORNALISMO

Non avere un pensiero e saperlo esprimere – è questo che fa di uno un giornalista.

Annunci

LA BALLATA DEL BITONCIO (per cortesia di Arnaldo Gamba)

FILASTROCCA DEL BITONCIO
El Bitoncio se la batte
Co la coa ‘n mezo ae satte.
Xe sonà la campanèa
del ritorno a Citadèa.
Lu el credeva, presuntuoso,
de restare vitorioso:
ga sparà le artiglierie
de le pezo porcarie:
che Giordani e Lorenzoni
verze le porte ae invasioni,
gnente case ai padovani,
tute quante ai musulmani,
tute e ciése, brute o bèe
le diventarà moschee,
nele scoe del padovano
se ghe insegnarà el Corano,
largo ai negri e ai magrebini
i albanesi, i clandestini:
el bateva la grancassa
in difesa de la rassa.
Ga puntà su la paura
E ga perso: che figura!!!
El ga perso, che sollievo:
xe finio el so medio evo.
El so tempo xe finio
A peade ‘nte el da drio.


IL CERCHIO QUADRATO

Con la veritá rivelata, proclamata dalla dottrina della Chiesa come assolutamente vincolante, la domanda che chiede che cosa siano l’uomo e il mondo è diventata superflua.
La natura (dell’uomo e del mondo) consistono nell’essere creati da Dio (omne ens est ens creatum).
Se la conoscenza umana vuole acquisire la verità sulla natura, l’unica via affidabile che le rimane é quella di raccogliere e salvaguardare zelantemente la dottrina della rivelazione e la sua tradizione. La verità ha il carattere essenziale della dottrina.. Il mondo medievale e la sua storia si basano su questa dottrina. Coloro che trattano in questo modo di quello che è l’uomo e il mondo, sono teologi.La loro filosofia è tale solo di nome, perchè una “filosofia cristiana” è ancora più assurda di un cerchio quadrato. Quadrato e cerchio concordano almeno nell’essere figure geometriche, mentre fede cristiana e filosofia rimangono abissalmente diverse. La novità del’età nuova rispetto a quella medievale, cristiana, consiste nel fatto che l’uomo, da sè e per propria capacità, si accinge a diventare certo e sicuro del suo essere uomo e del mondo nel loro insieme.


I DISCORSI DEI PRESIDENTI

I paroloni e le frasi altisonanti io li ho sempre presi per quello che sono: manifestazioni di incompetenza alle quali non bisogna far caso.


ASSURDO…

E LA FINE OVUNQUE, INTORNO ALL’ORLO!


Egregio Signore

“Un uomo come me è un uomo pieno di artifizi, in perenne attesa che venga qualcuno e glieli mandi tutti in frantumi, semplicemente spaccandogli la testa, egregio signore”.


PIOMBARE SULLE BANCHE!!!

Ha scritto Leonardo Sciascia: “Forse tutta l’Italia sta diventando la Sicilia”. Penso a Tangentopoli, e al capitano Bellodi, il protagonista di Il giorno della civetta che ragiona su quello che si dovrebbe fare per battere la mafia: “Bisognerebbe, di colpo, piombare sulle banche: mettere mani esperte nelle contabilità, generalmente a doppio fondo, delle grandi e piccole aziende, revisionare i catasti”. Come era intelligente Leonardo Sciascia, e come sapeva leggere la cronaca e anche prevederla.